Vivere i parchi

Il Rovo – Non solo more

Al Rovo (Rubus ulmifolius) è comunemente associata un’indefinita percezione di degrado, confermata anche da verbi dalla connotazione negativa come “infestare”, “invadere” o “soffocare”, con cui viene abitualmente espressa la sua comparsa. L’abbondanza di spine aguzze su tutta la pianta, nervature fogliari incluse, accresce la sensazione di fastidio ad essa collegata.

A dispetto di ciò, o meglio proprio per gli stessi motivi, il rovo è probabilmente una delle piante più importanti per la conservazione dei sistemi naturali, dove la grande capacità di rigenerazione, la velocità di propagazione e la rapidità di accrescimento, proprietà sgradite alla maggior parte delle attività produttive, ne fanno un elemento fondamentale nel processo di evoluzione della vegetazione verso stadi più maturi.
Il rovo, specie prettamente eliofila, riesce perciò a colonizzare rapidamente i terreni lasciati spogli da eventi distruttivi per la vegetazione (fuoco, tagli boschivi, lavorazioni agricole), creando i presupposti per il ritorno delle specie forestali, e quindi per la propria progressiva scomparsa. La sua azione si realizza a più livelli: le siepi di rovo “catturano” i semi delle specie arboree pioniere (aceri, carpini e frassini) che hanno così modo di germinare nel suolo arricchito dall’apporto organico, mentre le giovani piante beneficiano della protezione da insolazione e gelate fornita dal rovo, che agisce, per così dire, da incubatrice naturale

Tratto da Guide ai servizi delle aree naturali protette Ente Regionale RomaNatura


Scopri anche

imagealt
Ente Parco

Leggi di più
imagealt
Aree Protette

Leggi di più
imagealt
Amministazione

Leggi di più
imagealt
Comunicazione

Leggi di più
imagealt
Sorveglianza

Leggi di più
imagealt
Economia nei parchi

Leggi di più
imagealt
Cartografia

Leggi di più

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Maggiori Informazionicookies