Menu Superiore
SOCIAL
Menu Principale

Pubblicato il giu 5, 2018 in News

COMUNICATO STAMPA
GIORNATA MONDIALE DELL’AMBIENTE PARCHI PROTAGONISTI CONTRO L’INQUINAMENTO, A TUTELA DEL PAESAGGIO E DELLA BIODIVERSITÀ

Si celebra oggi 5 Giugno 2018 la Giornata Mondiale dell’Ambiente, dedicata quest’anno di fronte ad una produzione annuale mondiale di 8 milioni di rifiuti plastici, all’inquinamento da plastica, proclamata nel 1972 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite mantiene l’obiettivo di porre l’attenzione sulle preoccupanti condizioni del Pianeta, dall’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo, ai mutamenti climatici, al deperimento delle risorse non rinnovabili, ma soprattutto di stimolare una riflessione sulla necessità di favorire sani stili di vita rivolti alla salvaguardia e alla conservazione delle risorse naturali del pianeta, un’emergenza sulla  quale ancor più oggi, è necessario intervenire per evitare danni irreversibili per gli ecosistemi e la biodiversità.

“Far conoscere meglio le problematiche legate al fenomeno dell’abbandono di plastiche e microplastiche nelle aree protette e negli ambienti marini aiuta a dare rilevanza a questa grave problematica- dichiara Maurizio Gubbiotti, Presidente di RomaNatura e Coordinatore di Federparchi Lazio – incoraggiando un cambiamento responsabile nelle nostre abitudini quotidiane, e di fronte a dati come quelli che ogni giorno vengono mostrati, diventa indispensabile. Siamo di fronte ad una situazione nella quale il problema non è solo legato all’abnorme produzione di plastica che va ridotta drasticamente, ma anche ad un abbandono sconsiderato della stessa. Le materie plastiche sono il principale rifiuto marino, sulle spiagge come in mare aperto, ma anche uno principali nelle aree verdi, e rappresentano non solo un problema ambientale ma anche sanitario su cui è necessario intervenire per evitare danni gravi per gli ecosistemi, la biodiversità, la salute.

 I Parchi oggi possono dare un contributo essenziale e devono essere sempre più capaci di essere vicini ai bisogni delle persone anche mentre fanno protezione e conservazione- prosegue Gubbiotti- Devono mettere in campo iniziative dove coinvolgere cittadini ed associazioni territoriali per contrastare questo grave fenomeno, campagne di pulizia nelle aree protette, nelle spiagge e sulle sponde dei fiumi, promuovendo buone pratiche con interventi mirati a preservare la nostra biodiversità. Sempre più dobbiamo riuscire a far passare il messaggio che i parchi sono loro stessi un modello di sviluppo sostenibile e di governo sostenibile del territorio.

Si può e si deve agire con attività di informazione e di educazione ambientale rivolte agli studenti sul tema dei rifiuti- conclude Gubbiotti – educando al riuso, riciclo, conservazione e smaltimento dei rifiuti fornendo  ai giovani maggiore consapevolezza sull’impatto ambientale da impiegare per il futuro in qualità di cittadini responsabili. Anche questa volta infatti molte saranno le iniziative dedicate a questo tema nel sistema dei parchi di RomaNatura ma anche dell’intero sistema delle aree protette regionale”

  Roma, 5/06/2018